Marcello Rosa insegnante di trombone e lab jazz

Marcello Rosa

Supervisore del corso di trombone

Classe: 1935

Formazione

ESTRATTO DA JAZZITALIA.NET

“…Avevo cinque anni (1940) quando mi schiaffarono davanti a un pianoforte e nella mia sana ingenuità non lo reputai un castigo, anzi. Lo studiai abbastanza seriamente per sette anni, fino a quando, per un’improvvisa crisi di rigetto (la mia bravissima insegnante era molto esigente e severa e, forse, troppo anziana per me) piantai tutto; non volevo più studiare.

Tutto quello che riguardava la musica però continuava ad affascinarmi: dalle vetrine dei negozi con gli strumenti in mostra, agli spartiti, ai dischi che trovavo a casa, la radio, i libri di storia della musica, andare al Teatro dell’Opera, i film biografico-musicali (uno su Schumann mi sconvolse addirittura), ecc. Si trattava sempre di musica classica, ma qualcosa cominciava subdolamente a serpeggiare. Cominciarono ad arrivare quegli ormai mitici film-rivista con le orchestre di Tommy Dorsey, Harry James, Xavier Cugat, Glenn Miller,….beh, non me ne perdevo uno.

Per i miei sedici anni mia madre mi regalò il “Savoy Blues” di Kid Ory (trombone, 1886 – 1973), tratto dal Dixieland Jubilee del ’47 (il Savoy Blues più swingante mai registrato); in un colpo solo capii che il “mio” definitivo strumento sarebbe stato il trombone e che la “mia” musica era il Jazz.

Tutto quello che fino allora avevo studiato, assorbito e cocciutamente cercato era servito a farmi comprendere e sentire intimamente quella musica. I suoni e i “colori” del jazz, il blues, lo swing, la possibilità di esprimersi autonomamente, mi erano ormai altrettanto familiari e indispensabili quanto il caffè e latte la mattina e da allora il jazz è diventato la mia vita.

Attività

Marcello Rosa è prima di tutto un protagonista storico del jazz in Italia. Trombonista, compositore, arrangiatore, autore e conduttore di programmi radiotelevisivi, è anche un appassionato divulgatore di questo genere musicale nel nostro Paese. Cattedra di Jazz (Istituto di Alta Cultura G. Paisiello di Taranto) e docente presso il “Saint Louis College” e il “Music Workshop” di Roma.

  • Marcello Rosa ha suonato a fianco di autentiche leggende della storia del jazz come Lionel Hampton, Earl Hines, Albert Nicholas, Trummy Young, Milton Jackson, Peanuts Hucko, Bud Freeman, Buck Clayton, Billy Butterfield, Yank Lowson, Tony Scott, Kay Winding, Slide Hampton, Curtis Fuller, Bob Burgess, Al Gray, George Masso, Bill Watrous, John Mosca, Gary Valente oltre ai più importanti musicisti italiani. Ha fatto parte della Roman New Orleans Jazz Band e della “Second Roman”.

Nel corso della carriera ha ricoperto incarichi di prestigio, tra i quali ideatore e direttore di programmi radio-televisivi RAI, componente della Grande Orchestra Nazionale di Jazz di Giorgio Gaslini, presidente dell’Associazione Nazionale Musicisti Jazz.

Riconoscimenti:

  • 1985 Premio Rai Radio Uno “30 anni di Jazz”
  • 1987 Premio “Colonna Sonora” Ente dello Spettacolo
  • 1997 Premio “Personalità Europea” (Comune di Roma)
  • 2001 Premio “ Palazzo Valentini al merito artistico” (Presidenza del Consiglio)
  • 2005 “Jazz Italiano a New York”
  • 2009 Premio “Nick La Rocca Jazz Festival”

Competenze

Musica jazz 100%
Trombone 100%
Composizione 80%
Arrangiamento 90%
Esperienza live 100%
Band leader 80%
Condividi con i tuoi amici

Lezioni di musica anche online

All’Istituto Corelli continuano, in tutta sicurezza, le lezioni di strumento frontali in presenza, ma è attiva per tutti anche la modalità online.
I nuovi iscritti, se lo desiderano, possono iniziare da subito online e passare in qualunque momento alla modalità in presenza.
Anche per chi frequenta i corsi online sarà possibile assistere (in modalità uditore) a lezioni di solfeggio e teoria della musica che si tengono il mercoledì:
Inoltre sono a disposizione di tutti gli allievi: libri didattici, metodi, dispense, videolezioni di storia ed estetica della musica e tanti spartiti. Tutto questo nell’area riservata suddivisa per strumento e accessibile con password ricevuta dal proprio insegnante.