Corso di violino a Roma

Il corso di violino a Roma presso l’Istituto musicale Corelli si pone due obiettivi principali. Il primo è preparare l’allievo a suonare in orchestra o in gruppo. Il secondo è fargli acquisire le competenze necessarie per accedere al corso di laurea accademica di primo e secondo livello in conservatorio.

Il corso di violino con il M° Antonello Bucca prevede varie fasce d’età: dai 7 ai 13 anni, dai 14 ai 25 anni e infine dai 26 anni in poi, senza limiti d’età.

Quando un bambino può iniziare a suonare e seguire lezioni di violino?

Molto probabilmente lo stimolo iniziale allo studio di uno strumento complesso e intrinsecamente difficile come il violino non parte dal bambino ma dalla famiglia. È raro oggi che un bambino dai 7 ai 13 anni chieda autonomamente di studiare il violino. Questo anche a causa del poco spazio che in genere ha questo strumento nella musica proposta sulla Tv generalista. Spesso sono soprattutto i genitori a invogliare il proprio figlio o figlia in maniera propositiva o, in alcuni casi, anche in maniera coercitiva.

Come funziona il corso di violino a Roma presso l’Istituto musicale “Arcangelo Corelli”

Che sia stata una scelta più del bambino o dei genitori, non c’è nessun problema, anzi! Anche nella seconda ipotesi, gli insegnanti dell’Istituto Corelli sapranno far maturare nel giovane allievo la motivazione giusta per poter proseguire lo studio durante gli anni successivi, in maniera volenterosa, efficace e produttiva.

Il modo migliore per ottenere tali risultati, infatti, è stimolare progressivamente l’allievo a individuare e superare i propri limiti con semplici esercizi che valorizzano la giovane personalità musicale e rafforzano l’autostima del bambino al fine di incentivare l’auto-apprendimento.

…Chi era Arcangelo Corelli?

Arcangelo Corelli (Fusignano, 17 febbraio 1653 – Roma, 8 gennaio 1713) a cui la nostra scuola di musica è non a caso dedicata, è stato un grande violinista e compositore del periodo barocco.
Ricordato in particolare per la sonata a tre e per quella solistica, come ancor più per il “concerto grosso” (qui potete ascoltarne ben 12!!!). Corelli portò queste forme di composizione a livelli eccelsi. Il suo apporto musicale che si diffuse rapidamente in tutta Europa, fu basilare per lo sviluppo del linguaggio orchestrale e violinistico del primo Settecento.

La posizione in cui si tiene il violino potrebbe far male alla schiena di mio figlio?

Oggettivamente la postura di un violinista è tutt’altro che naturale. Nonostante ciò un bravo maestro farà apprendere al giovane allievo la posizione più corretta. Questa non necessariamente sarà perfettamente uguale alla stessa dell’insegnante oppure a quella di David Garrett o di Francesca Dego visti in un video su youtube

E ciò per il semplice motivo che siamo ognuno diverso dall’altro! Pertanto la conformazione della spalla, della clavicola e del mento sono diverse in ognuno di noi. Di conseguenza sarà l’insegnante a suggerire la posizione migliore a ciascun allievo, in maniera naturale e rilassata.

Ho 35, 40, 50 anni, è troppo tardi per me per questo corso di violino a Roma?

Affatto! Partiamo dal presupposto che non è mai troppo tardi per iniziare a star bene grazie alla musica e quindi per imparare a suonare uno strumento. Il M° Antonello Bucca ha già vari allievi adulti anche oltre i 50 anni e ha molte esperienze pregresse con allievi adulti o addirittura della “terza età”.

Il parametro anagrafico, infatti, non è ostativo per uno strumento come il violino. Generalmente le persone adulte hanno una volontà molto più concreta di finalizzare i propri studi rispetto a quella di un bambino. Già questo aspetto può ampiamente compensare una minore elasticità muscolare. Inoltre il percorso di studio all’interno dell’Istituto Corelli permette all’adulto, anche in tarda età, di potersi esibire in contesti concertistici di gruppo con somma soddisfazione personale.

Posso accedere al conservatorio se studio violino all’Istituto musicale Corelli a Roma?

Certo! Il corso PreAccademico in convenzione con il Conservatorio “Ottorino Respighi” è strutturato proprio per permettere all’allievo (età minima 13 anni, salvo casi particolari) senza limiti d’età, di sostenere degli esami di competenza previsti dal piano di studio e quindi di accedere automaticamente al triennio di laurea di primo livello presso il suddetto conservatorio, senza sostenere ulteriori esami di ammissione.

Quale violino dovrei comprare?

Per le lezioni di prova nessuno, in quanto lo strumento per la prova viene fornito dall’Istituto Corelli. È ovviamente necessario comprare poi il proprio violino per lo studio a casa, anche usufruendo degli sconti e incentivi offerti agli allievi dell’Istituto presso gli esercizi commerciali partner.

La grandezza del violino in proporzione all’età dell’allievo

Generalmente i violini hanno misure diverse, identificate con frazioni: 1/8 – 1/4 – 2/4 – 3/4 – 4/4 (quest’ultimo è la misura standard del violino). Con il violino è compreso anche l’archetto e la custodia.

Raccomandiamo di chiedere di inserire nell’acquisto anche una spalliera delle dimensioni corrispondenti al violino acquistato. Personalmente consigliamo di non spendere troppo per i violini di piccole dimensioni da 1/8 a 3/4, poiché si tratta di strumenti di utilizzo limitato nel tempo, in attesa di passare al 4/4.

Ancor meglio sarebbe orientarsi su strumenti usati per massimizzare il risparmio, anche potendoli rivendere (se ancora in buone condizioni) appena si passi alla misura successiva. Meglio risparmiare con i violini piccoli e investire decisamente di più sul violino della misura definitiva (4/4).

I negozi nostri partner tecnici sapranno indirizzare all’acquisto del violino delle giuste dimensioni in relazione all’altezza dell’allievo e sapranno consigliare al meglio gli allievi dell’Istituto Corelli che desiderano acquistare il loro violino definitivo.

Per questo corso di violino a Roma posso comprare uno strumento elettrico anziché un violino acustico?

No, se l’allievo ha necessità di uno strumento delle misure da 1/8 a 3/4. Per quanto riguarda un violino di dimensioni standard (4/4) è possibile comprare da subito un violino elettrico, consci però che il peso di un tale strumento è leggermente superiore rispetto a un violino acustico. Infine i violini elettrici troppo economici non sono molto consigliati per via della loro bassa qualità.

Il vicino di casa mi “rompe continuamente le scatole” se suono il violino, posso esercitarmi con la sordina?

No! Pur essendo in commercio vari tipi di sordine, è sempre sconsigliato studiare con esse, per il semplice motivo che molti parametri importanti relativi all’emissione del suono vengono falsati.

I decibel emessi da un violino non superano i limiti di legge.

Pertanto, se si suona in orari consentiti, ovvero non espressamente vietati dal regolamento condominiale, non c’è nessun problema!

Se il vicino poco tollerante persevera nello scoraggiare lo studio, intimando di rivolgersi alle autorità di Polizia, potete rispondergli di farlo, esortandolo a richiedere lui stesso una rilevazione in decibel nell’orario in cui sente suonare.

Nel momento in cui verrà constatato che i decibel prodotti da un violino in orario consentito dalla legge non sono superiori al rumore del traffico veicolare della strada sottostante… desisterà definitivamente.

La struttura didattica dell’Istituto Corelli prevede, per il corso di violino a Roma, tre macroaree di formazione: Corso Ordinario, Corso Pre Accademico e Progetto “Crescendo”

Nell’ambito specifico del violino, il Corso Ordinario ha lo scopo di far suonare l’allievo in un contesto di gruppo (Orchestra, Laboratori di musica da camera, Pop/Rock).

Non ci sono particolari vincoli anagrafici per iniziare a suonare il violino (minimo 7 anni) in quanto l’insegnante farà in modo di plasmare il programma in base al tempo che l’allievo potrà dedicare allo studio.

Grande attenzione verrà rivolta a motivare l’allievo di violino a superare le inevitabili difficoltà e a “imparare a studiare” in maniera costruttiva e produttiva.

Importante è rispettare i tempi di apprendimento di ciascun allievo, che variano in base all’età, alla motivazione e al livello di attenzione che via via sarà ampliato. Nel corso di violino non verranno trascurati aspetti fondamentali come la postura e la lettura corretta dello spartito sia ritmica che neumatica.

Il corso Pre Accademico prevede un percorso formativo molto articolato con un monte ore di violino e di materie complementari. Il corso prevede di sostenere esami di competenza presso il Conservatorio “Ottorino Respighi” con il quale l’Istituto Corelli è convenzionato.

Il superamento degli esami previsti consentirà all’allievo di accedere direttamente al corso di laurea triennale di primo livello presso il suddetto conservatorio statale, senza sostenere esami di ammissione.

Il Progetto “Crescendo” è invece ispirato al metodo di didattica musicale di Josè Antonio Abreu e prevede lezioni in gruppi (10 elementi) finalizzato a fornire all’allievo delle basilari ed elementari competenze per formare, dopo pochissimi mesi, un ensemble violinistico o accedere all’Orchestra Junior dell’Istituto. Il suddetto progetto ha una durata non superiore a un anno scolastico ed è molto adatto per bambini di fascia d’età compresa tra i 7 e i 9 anni.

INSEGNANTE: Antonello Bucca

Prenota subito la tua lezione gratuita!

>> TORNA AL MENU CORSI DI MUSICA
Condividi con i tuoi amici
14 Agosto 2020

Lezioni di musica anche online

All’Istituto Corelli continuano, in tutta sicurezza, le lezioni di strumento frontali in presenza, ma è attiva per tutti anche la modalità online.
I nuovi iscritti, se lo desiderano, possono iniziare da subito online e passare in qualunque momento alla modalità in presenza.
Anche per chi frequenta i corsi online sarà possibile assistere (in modalità uditore) a lezioni di solfeggio e teoria della musica che si tengono il mercoledì:
Inoltre sono a disposizione di tutti gli allievi: libri didattici, metodi, dispense, videolezioni di storia ed estetica della musica e tanti spartiti. Tutto questo nell’area riservata suddivisa per strumento e accessibile con password ricevuta dal proprio insegnante.